icona_youtubefacebook

  logo1eloghettiok

 

Primo obiettivo

COSA SI MANGIA?

Sradicare la povertà estrema e la fame

Oggi più di sempre povertà e fame sono problematiche sulle quali sono accesi i riflettori delle agenzie internazionali, dei governi, dei media, ma soprattutto di tutta la popolazione mondiale. Ad esse si uniscono le preoccupazioni legate alla crescente disoccupazione e alle difficoltà di accedere ad un lavoro adeguato e degno, in particolare per i giovani e le donne, con tutte le ricadute che queste hanno sulla vita delle persone a Nord e a Sud del mondo. Il primo obiettivo di sviluppo del millennio, infatti, mira a trovare delle soluzioni pertinenti e sostenibili per uscire o evitare di entrare nella “trappola della povertà” che blocca lo sviluppo sociale e il miglioramento delle condizioni di vita delle persone e delle famiglie.

Il progetto World Social Agenda nell’ambito della riflessione sul primo obiettivo proposta per l’anno scolastico 2014-15, ha ritenuto opportuno finalizzare il discorso su uno dei traguardi data la complessità dell’obiettivo. E’ sulla questione della fame che si concentreranno gli sforzi del progetto avendo però ben chiare le imprescindibili interconnessioni con gli altri due traguardi.

Il diritto al cibo è stato sancito dalla Dichiarazione Universale del 1948 (art. 11 e art. 25). Oggi, però ancora 842 milioni di persone soffrono la fame. Quali sono le ragioni di questo fenomeno? Quali sono le soluzioni più pertinenti?

 I traguardi

  1. Dimezzare, tra il 1990 e il 2015, la percentuale di persone che vivono con meno di 1,25 dollari al giorno;
  2. Raggiungere un’occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti, compresi donne e giovani;
  3. Dimezzare, tra il 1990 e il 2015, la percentuale di persone che soffrono la fame.

Gli indicatori

Per il traguardo 1
A. Percentuale di persone che vive con meno di 1,25 dollari al giorno
B. Indice del gap di povertà
C. Porzione del consumo nazionale da parte del quintile più povero della popolazione
 
Per il traguardo 2
A. Crescita del PIL per occupato
B. Percentuale di occupati in rapporto alla popolazione
C. Percentuale di occupati che vivono con meno di 1,25 dollari al giorno
D. Percentuale di lavoratori autonomi e di occupati in attività a conduzione familiare sul totale degli occupati
 

Per il traguardo 3
A. Percentuale di bambini sottopeso sotto i cinque anni di età
B. Percentuale della popolazione sotto il livello minimo di apporto calorico 

 

 bottone2015

 
ob1padova

ob1trento

ob1doss

ob1form

bottone produzioni


WSA 2008-2015

video8obiettiviGUARDA IL VIDEO WSA 2008-15
 
infografica report 2015
GUARDA I NUMERI WSA 2008-15
 
sullafamenonsispecula

campagna_cibo_per_tutti